WhatsApp, sempre più truffe: la Polizia Postale mette in guardia

WhatsApp, sempre più truffe sulla famosa piattaforma di messaggistica mondiale: la Polizia Postale mette in guardia tutti gli utenti

Fate attenzione alle truffe su Whatsapp: basta davvero una distrazione, un momento di leggerezza, e ci facciamo fregare da un messaggio normalissimo che non proviene affatto da qualcuno che conosciamo, anzi. Proprio per questo motivo bisogna tenere gli occhi ben aperti.

Whatsapp: attenti alle truffe
Whatsapp (canva) vostrisoldi.it

Ciao mamma, il mio cellulare è rotto: ho cambiato numero” recita questo il messaggio che sta arrivando sui cellulari di tantissimi utenti. Quello che dovete assolutamente capire è che non si tratta di un messaggio che arriva davvero dalla famiglia, infatti una truffa che sta circolando in questo periodo che va ai danni di chi riceve questo messaggio di testo. Ma come possiamo fare a proteggerci da questo fenomeno che diventa sempre più diffuso?

Whatsapp: sempre più truffe segnalate dalla Polizia Postale

A lanciare questo allarme sulla truffa è stata la Polizia Postale, che ha raccolto davvero tante denunce da parte di tutti coloro che sono caduti nella trappola di questi truffatori. Ma anche di chi per fortuna ha avuto la prontezza di capire che si trattava di qualcosa che non andava. Negli ultimi anni, il diffondersi della tecnologia ha fatto sì che aumentassero anche il numero delle truffe online e sono sempre di più gli hacker che utilizzano le applicazioni di messaggistica, dal momento che sono le applicazioni più utilizzate da tutti..

Whatsapp: attenti alle truffe
Whatsapp (canva) vostrisoldi.it

Sul sito la polizia postale ha fatto sapere che le truffe di questo tipo sono sempre più numerose: “Si presentano spesso come dei messaggi inoffensivi che in verità hanno lo scopo di agganciare la vittima per esortarla a comunicare i propri dati personali“. Ma chi sono gli obiettivi di questi truffatori? C’è una categoria di persone in particolare.

Whatsapp: attenti alle truffe
Whatsapp (canva) vostrisoldi.it

Infatti l’obiettivo principale sono le persone anziani e meno abituate alla tecnologia: la tecnica, come dicevamo, è quella di inviare messaggi inoffensivi nella speranza che le persone riescano a cadere nella trappola. I messaggi vengono inviati in massa, poi nel caso di risposta, il truffatore avvia un dialogo con la persona in questione.

Impostazioni privacy